14
italiano inglese


Santuario di Ercole Vincitore


Il Santuario di Ercole vincitore era dedicato al dio protettore dell'antica Tibur, e ricopriva una superficie molto vasta estesa ai piedi della città.

La costruzione del complesso, durata all'incirca una decina di anni, diede non pochi problemi agli architetti che la realizzarono, perchè dovettero prima scavare una via coperta sotto il santuario in modo da far passare l'antica Tiburtina Valeria, la cosiddetta Via Tecta, poi furono costretti ad innalzare delle arcate per superare i burroni sul fiume Aniene.
Originariamente il santuario occupava un'area di 3.000 mq e si articolava in tre ambienti: un tempio, un teatro ed un'enorme piazza che faceva da area sacra. Lo scopo principale del progetto era quello di colpire scenograficamente tutti coloro che giungevano a Tivoli da Roma, tanto era il suo splendore e la sua magnificenza (188 x 141 m), infatti la struttura utilizzata per le fondamenta si innalzava per circa 50 metri a strapiombo sul fiume Aniene.
In passato all'interno del santuario si trovava la statua di Ercole, dio venerato dai Salii, i quali organizzavano una cerimonia d'onore durante le Idi di agosto, così come ci viene ricordato da Virgilio nell'Eneide.
L'intera area del santuario, fino ad una cinquantina di anni fa, era occupata dalle Cartiere Tiburtine, stabilimenti industriali che trasformavano paglia e legno in varie qualità di carta grazie alla forza motrice prodotta dalle acque del vicino fiume Aniene.
Grazie al meticoloso lavoro svolto in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell'Etruria Meridionale, il primo maggio del 2015 c'è stata l'apertura straordinaria al pubblico del santuario, in concomitanza con l'inaugurazione di Expo 2015 e del 3230° anniversario della nascita di Tivoli, con lo scopo di rendere questo sito al centro della proposta culturale della città.

Guarda il servizio del TG2 del 03/01/2016

Indirizzo via degli Stabilimenti, 5 - 00019 Tivoli (RM)
Biglietteria +39 0774 382733
E-mail villa.adriana@coopculture.it
Orari 11.00 - 17.00 dal 2 gennaio al 29 febbraio
11.00 –18.30 mese di marzo *
10.00 –19.00 dall'ultima domenica di marzo al 30 settembre
11.00 –18.30 mese di ottobre **
11-17.00 dall'ultima domenica di ottobre al 31 dicembre *

dall'ultima domenica di marzo, con l'inizio dell'ora legale, orario 10.00 -19.00 **
dall'ultima domenica di ottobre, con il ripristino dell'ora solare, orario 11.00 - 17.00

È possibile effettuare visite prima dell'orario di apertura (dalle ore 9.00) solo per gruppi, con obbligo di prenotazione.

Il Santuario di Ercole Vincitore è chiuso il 1° gennaio e il 25 dicembre, salvo aperture straordinarie su progetto MiBAC.



  • 1.
  • 2.
  • 3.



acquedotti anio vetus e aqua marcia
Archeologia

Acquedotto Anio Novus

L'Acquedotto Anio Novus è un'antica costruzione avviata dall'Imperatore Caligola nel 38 d.C. A Tivoli, partendo dalla Via Empolitana si possono trovare molti reperti archeologici.

Tempio della Sibilla
Archeologia

Tempio della Sibilla

Il Tempio della Sibilla si trova sul punto più alto dell'antica acropoli di Tivoli. Eretto intorno al II secolo d.C. è considerato uno dei più importanti resti archeologici della città.

arcata dell'acquedotto
Archeologia

Acquedotti Anio Vetus e Aqua Marcia

L'acquedotto Anio Vetus risale al 272 e il 279 a.C., costruito dai censori Marcio Curio Dentato e Fulvio Flacco. L'acquedotto aveva una portata di 180.000 metri cubi d'acqua al giorno, seguendo un percorso di 64 km.





icona twittericona instagramicona facebook

#visittivoli

:
1.
2. #visittivoli
3.

INSTAGRAM



stemma comune di Tivoli

Comune di Tivoli


 logo unesco

Piazza del Governo 1 - 00019 Tivoli (RM) Tel: 07744531
Fax: 0774330675 - PEC: info@pec.comune.tivoli.rm.it
C.F.: 02696630587

Desk Operatori - Privacy Policy - Site map - Comunicando Leader


Progetto finanziato dalla Regione Lazio - Agenzia Regionale del Turismo
logo Regione lazio


icona social twittericona social instagramicona social facebookicona social youtube

w3c logo html5